Mettetevi nella mani di uno specialista

Esistono due tipi principali di eiaculazione precoce congenita o primaria (se si tratta di una disfunzione che si è presentata fin dai primi rapporti sessuali) od acquista o secondaria (quando si presenta in un secondo momento). Ovviamente  l’andrologo si baserà su questa differenziazione per scegliere a quale terapia si dovrà sottoporre il paziente. Esistono tre tipi di terapie.

La terapia comportamentale è una delle tre e viene attuata quando il medico si accerta che il paziente non ha bisogno di farmaci. Questa “cura” è una sorta di corso in cui il medico insegna al paziente e alla compagnia alcuni esercizi come i così denominati: squeeze e stop&start.

La tecnica squeeze consiste nell’effettuare una pressione con le dita sul glande nel momento che precede l’orgasmo. Questo esercizio fa aumentare progressivamente il controllo dell’uomo su se stesso e sul suo piacere. Per quanto riguarda lo stop&start, che ha le stesse finalità e risultati dello squeeze, la coppia non deve far altro che continuare la stimolazione fino all’attimo prima dell’orgasmo, fermarsi per trenta secondi circa e poi ripartire. Potreste fermarvi e ripartire per tutte le volte che volete ma spesso è il medico a dirvi quante volte potete farlo.

Nel caso della terapia psicologica, indicata nei casi di eiaculazione precoce secondaria, il medico la sceglie in base al profilo psicologico dell’uomo che soffre di ansia, ha bassa stima di sé e ha difficoltà nel relazionarsi con gli altri. Questa terapia ha come obiettivo la rieducazione  a riconoscere in anticipo l’arrivo dell’orgasmo e a saperlo controllare.

Accedi al percorso di email giornaliere e ricevi il report “Eiaculazione Stop”. Leggendolo scoprirai:

  • Qual'è la mentalità giusta per eliminare l'E.P.
  • Perché hai un’opportunità enorme per la tua vita
  • Quali sono le basi su cui si poggia questo metodo
  • …e molto altro ancora!

La terapia farmacologica si presenta abbastanza bene e non ha bisogno di tante spiegazioni.  In passato si optava spesso per  antidepressivi, ma soprattutto per pomate o spray per l’eiaculazione precoce, che hanno dei componenti che li rendono in grado di diminuire la sensibilità del glande. Al giorno d’oggi si punta soprattutto su medicinali che inibiscono la produzione di serotonina che gioca un ruolo importante durante il rapporto sessuale.

I medicinali disponibili in commercio, per curare l’eiaculazione precoce, vengono rilasciati solamente presentando una prescrizione del medico.

Se ritenete che il vostro problema “a letto” sia realmente dovuto ad una disfunzione sessuale seria e non riuscite a migliorare la situazione insieme, consultate un medico e vedrete che con una di queste terapie non avrete alcuna difficoltà nel tornare alla “normalità”.

Lascia un commento