Disfunzione erettile: le cause principali

La disfunzione erettile, ovvero l’incapacità di raggiungere una erezione sufficiente a condurre un rapporto sessuale soddisfacente, può essere determinata da diversi fattori. Sono infatti numerosi gli elementi, sia fisici che psicologi, che sono coinvolti nella normale funzione erettile, e alterazioni di uno o più di questi elementi possono provocare questo problema sessuale. Si è soliti distinguere le cause che sono all’origine della disfunzione erettile in tre gruppi: le cause organiche, le cause psicogene e quelle miste, ovvero dovute ad una combinazione di fat­tori organici e psicogeni.

Le cause organiche

Fino all’inizio degli anni ’80 si riteneva che la stragrande maggioranza dei casi di disfunzione erettile fosse determinata da problemi di natura psicologica. Ma oggi questa concezione è stata pressoché ribaltata. In modo particolare, si pensa che sia la patologia arteriosa a costituire il fattore chiave nella gran parte dei casi di disfunzione erettile, e dunque che l’alterazione del flusso sanguigno al pene e dal pene sia la causa più importante.

Problemi di cuore come la cardiopatia possono così impedire il flusso sanguino al pene causando problemi erettili, ma i problemi cardiovascolari non sono gli unici a provocare ciò. Lo stesso discorso vale quando si registra una presenza di livelli di colesterolo troppo alti o quando si soffre di ipertensione.

Accedi al percorso di email giornaliere e ricevi il report “Eiaculazione Stop”. Leggendolo scoprirai:

  • Qual'è la mentalità giusta per eliminare l'E.P.
  • Perché hai un’opportunità enorme per la tua vita
  • Quali sono le basi su cui si poggia questo metodo
  • …e molto altro ancora!

Sia il colesterolo che la pressione alta, infatti, ostacolano il flusso di sangue impedendo il flusso al pene. Possono provocare la disfunzione erettile anche altre patologie, quali il diabete, il cancro della prostata e la cosiddetta malattia di Peyronie.

Per quanto riguarda il diabete, è stato rilevato che gli uomini che sono afflitti da questa malattia sono quattro volte più suscettibili degli altri uomini di andare incontro a  problemi di disfunzione erettile. Percentuali molto alte di riscontrare questa disfunzione si notano, come abbiamo detto, anche in seguito a trattamenti chirurgici per il cancro della prostata e in quanti sono colpiti dalla malattia di Peyronie, che interessa proprio l’apparato genitale. Anche l’invecchiamento è tra le principali cause di disfunzione erettile: il problema diventa molto più frequente con l’avanzare dall’età, soprattutto a partire dai 65 anni. E non sono da sottovalutare neanche l’abuso di alcool e il fumo.

Gli studi clinici in proposito sono chiari: l’eccessivo consumo di alcolici e le sigarette aumentano il rischio di disfunzione erettile.

Le cause psicogene

Una buona salute dal punto di vista mentale è determinante per poter godere di rapporti sessuali soddisfacenti. Ansia, stress, depressione e problemi di coppia sono le principali cause psicogene alla base della disfunzione erettile. Possono contribuire anche situazioni di stanchezza e malessere generale, insoddisfazione verso se stessi e verso la propria partner, ma anche paure di gravidanze indesiderate o contrarre malattie sessuali.

Può giocare a sfavore dell’uomo anche l’ansia da prestazione, che può determinare un’inibizione dell’erezione, soprattutto in seguito a uno o più precedenti episodi di fallimento.

Le cause miste

E’ stato appurato che nella maggioranza delle persone che soffrono di disfunzione erettile, è presente una combinazione di fattori organici e psicogeni. Infatti, la presenza di un’alterazione organica in caso di disfunzione erettile non esclude cause psicologiche concomitanti.

Lascia un commento