Afrodisiaco per le donne: realtà o bugia?

L’afrodisiaco è una qualsiasi sostanza in grado di potenziare il piacere sessuale. Se pensiamo agli uomini, è più facile trovare un afrodisiaco in grado di accendere la loro passione, da quelli naturali fino al famosissimo viagra, perfetto a risvegliare il piacere anche quando si è in presenza di gravi ostacoli come la disfunzione erettile.

Ma se invece pensiamo alle donne, il discorso afrodisiaci si fa più complesso. Per il gentil sesso, infatti, l’eccitazione ha dei tempi molto più lunghi. Ma non mancano degli afrodisiaci anche per lei, alcuni dei quali sono naturali, altri invece chimici.

Accedi al percorso di email giornaliere e ricevi il report “Eiaculazione Stop”. Leggendolo scoprirai:

  • Qual'è la mentalità giusta per eliminare l'E.P.
  • Perché hai un’opportunità enorme per la tua vita
  • Quali sono le basi su cui si poggia questo metodo
  • …e molto altro ancora!

Gli afrodisiaci naturali

Pensate che si ha traccia degli afrodisiaci naturali già a partire da 5000 anni fa: a produrli erano gli antichi egizi, che in questo modo stimolavano l’appetito sessuale e prolungavano la performance. Non erano da meno gli antichi Greci e Romani, che scrivono di efficaci afrodisiaci anche per donne.

Si tratta di profumi o oli per massaggi, in grado di aumentare il piacere o le prestazioni sessuali. Queste sostanze sono usate ancor’oggi allo stesso scopo, ma partiamo dagli oli essenziali. Questo tipo di afrodisiaci è basato sulle proprietà aroma terapiche degli oli essenziali. Secondo alcuni questo tipo di afrodisiaco sarebbe più efficace degli altri, ma soprattutto, dal momento che gli oli essenziali vengono usati solo esternamente, sono molto più sicuri rispetto agli afrodisiaci composti di erbe o chimici che vengono invece ingeriti.

Gli oli essenziali inalati hanno efficacia perché agiscono dal tratto olfattivo fino al sistema limbico del cervello, che è la zona del corpo dove nascono i desideri e comportamenti sessuali. Ma tra gli afrodisiaci naturali validi per le donne si annoverano anche molti alimenti, nonché bevande. La prima di queste sarebbe il vino rosso. A dimostrarlo è uno studio condotto dall’Università di Firenze, che è stato pubblicato di recente sulla prestigiosa rivista scientifica Journal of Sexual Medicine. Questo studio, compiuto su un campione di 800 donne tra i 18 e i 50 anni, sostiene che i livelli di desiderio sessuale sono più alti nelle donne bevitrici moderate di vino rosso, rispetto a quelle che preferiscono altre bevande alcoliche o che sono astemie.

Ma oltre al vino rosso, per accendere il desiderio occorre fare scorta di cannella, cioccolato, vaniglia, zenzero, e zafferano, ostriche, salmone e asparagi. Sarebbero infatti questi i cibi che hanno il potere di scatenare l’eccitazione femminile. Tra questi il cioccolato è probabilmente l’afrodisiaco più noto, stimola la circolazione sanguigna e contiene feniletilamina, una sostanza che favorisce il desiderio sessuale. Ma anche le ostriche sono da sempre abbinate allo champagne nelle serate romantiche perché sono ricche di sali minerali e di glicoceno, che vanno ad aumentare la contrazione muscolare.

Gli afrodisiaci chimici

Per quanto riguarda gli afrodisiaci chimici, il viagra femminile è Vigorelle, la crema sessuale stimolante per lei.

Vigorelle promette di aumenta l’energia e la resistenza sessuale di una donna.  Ma è famosissimo anche lo spray nasale, che promette attraverso una semplice spruzzata alle narici un’eccitazione immediata a colei che lo utilizza.

Lascia un commento